{Il mio} prestito personale

fino a 30.000 euro in 84 mesi

{Il mio} azzeramento debiti

Fino a 30.000 euro in 84 mesi

{Il mio} quinto

la cessione del quinto per dipendenti e pensionati

{Il mio} mutuo

dilazione fino a 30 anni, massimo 85 anni di età

{Il mio} avallo

richiedi la tua fidejussione per qualsiasi finalità

 

{Il mio} quinto

Il mio Quinto, é la cessione del quinto di Abaprestiti.

TAN da 4,5%, TAEG da 7,34%.
Richiedi un preventivo gratuito di cessione del quinto dello stipendio o della pensione

DATI ANAGRAFICI:

Cognome

Nome

Indirizzo

Città di residenza

Provincia di residenza

Data di nascita

Luogo di nascita

Provincia di nascita

INFORMAZIONI DI CONTATTO:

Numero di telefono

Indirizzo email

DATI SUL REDDITO E SULLA PROFESSIONE:

Professione

Data di assunzione

Reddito mensile

Datore di lavoro

Numero di telefono del datore di lavoro

DATI FINANZIARI:

Prodotto

Importo

Durata in mesi

Note

Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa ai sensi del decreto legislativo n.196 del 30/6/2003.

SCARICA QUI L’INFORMATIVA AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N.196 DEL 30/6/2003

quintoPrestito a condizioni esclusive e trasparenti. Le migliori soluzioni disponibili sul mercato. Anche con problemi di credito. Prodotto riservato a dipendenti e pensionati.

Il nome Cessione del Quinto di Stipendio deriva dal fatto che l’importo massimo della rata di rimborso del prestito non può superare il valore di 1/5 (cioè il 20%) dello stipendio mensile netto continuativo. La durata massima consentita è di 120 mesi e la minima abitualmente non è inferiore ai 24 mesi. Il termine massimo della durata non può eccedere il termine del rapporto di lavoro e il pensionamento, tranne che per i dipendenti ministeriali, i quali possono decidere se estinguere il debito o traslarlo sulla pensione. Oggi è possibile l’accesso alla Cessione del Quinto dello Stipendio anche da parte dei Pensionati ed in questo caso la scadenza non può eccedere l’85simo anno di età. La legge prevede che, al momento della stipula del contratto con la società finanziaria, si stipuli anche una assicurazione sui rischi vita ed impiego. Nel caso di “rischio impiego” l’assicurazione interviene, ma ha diritto di rivalsa nei confronti del debitore, nei limiti del TFR (Trattamento di Fine Rapporto) fino a quel momento maturato: tale cifra, accantonata dall’azienda in un apposito fondo, resta quindi indisponibile per il mutuatario che accede al finanziamento; si tratta quindi di un’assicurazione a vantaggio della finanziaria. Nel caso di “rischio vita”, l’assicurazione interviene senza vantare diritto di rivalsa nei confronti degli eredi.

La particolarità di questa soluzione di finanziamento è che il rimborso avviene con trattenuta della rata direttamente in busta paga. Tale peculiarità fa sì che il rischio di insolvenza volontaria del debitore venga abbattuto fortemente, visto che, una volta dato il proprio consenso alla trattenuta in busta paga, il cedente non può più revocare il pagamento. Da ciò deriva anche che, in virtù della forma tecnica del prodotto, è previsto il coinvolgimento del datore di lavoro nell’estinzione del finanziamento quale condizione fondamentale per l’erogazione del prestito. In buona sostanza sarà il Datore di Lavoro a pagare la rata alla Banca trattenendo contestualmente l’importo dalla busta paga del proprio dipendente.

per maggiori informazioni chiamaci al numero gratuito 800135911 o visita il sito www.ilmioquinto.com

 

Condividi contenuto